AB47.J-3

Specifiche Tecniche
Denominazione : AB.47J-3
Tipologia : Elicottero Leggero
Costruttore : Aeronautiche Giovanni Agusta (licenza Bell)
Nazione : Italia (prototipo: USA)
Anno di Produzione : 1955
Dimensioni
Lunghezza Fusoliera : 9,872 m
Diametro Rotore : 11,316 m
Altezza : 2,835 m
Superficie Disco Rotore : 100,52 m²
Pesi
A Vuoto : 810 kg
Massimo Al Decollo :  1.340 kg
Propulsione
Lycoming VO-540B1B3 da 305 CV limitato a 260 CV
Prestazioni
Velocità Massima : 169 km/h
Autonomia : 450 km
Storia

Il Bell 47J è un elicottero quadriposto sviluppato dal Model 47 base per au- mentarne il confort e la capacità. In Italia, dove è noto come “Iota”, ha equi- paggiato Forze Armate e Corpi dello Stato. La versione J fu sviluppata nel 1955 unendo le parti dinamiche del Bell 47G, compreso il rotore con pale metalliche, con una nuova cabina completamente chiusa ed una coda con struttura a guscio anziché a traliccio. Il pilota sedeva in posizione centrale, davanti ad un divanetto per tre passeggeri. Dalla marina americana, primo cliente, arrivò il nome “Ranger”. Il 12 luglio 1957 un H-13J della US Air Force decollò dal prato della Casa Bianca con a bordo Dwight D. Eisenhower, che diventò così il primo presidente americano a volare in elicottero. La pro- duzione raggiunse il migliaio di esemplari. L’Agusta ne acquisì la licenza nel 1956, costruendone in varie sottoversioni 276 esemplari fino al 1971 come AB.47J. A partire dal 1958 furono utilizzati dall’Esercito, dall’Aeronautica Militare, dalla Marina Militare, dai Carabinieri, dalla Guar- dia di Finanza, dalla Pubblica Sicurezza (poi Polizia di Stato) e dai Vigili del Fuoco. Nel 1959 la Elivie, controllata da Alitalia, li impiegò sulla linea Napoli-Capri. L’AB.47J-3 esposto ha il numero di costruzione 2113 e fu costruito con doppi comandi. Ha effettuato il primo volo il 24 giugno 1967 pilotato da Vincenzo Frixa ed è stato consegnato ai Carabinieri il 6 luglio 1967 con matricola MM.80495 e codici CC-19. Ha prestato servizio con il Nucleo Elicotteri di Elmas negli anni Sessanta e con quello di Bari nel 1977. Alla radiazione fu destinato alla comunità montana dell’Alta Irpinia per es- posizione e fu poi acquistato dalla Pozzi Avio. È al Museo dal maggio 2010. L’attuale livrea rappresenta l’esemplare I-MINR della AGIP Mineraria che nel 1960 scoprì l’S.79 MM.23881 nel deserto della Libia.

kids & family
Più di 1000 mq di aree gioco all’aperto ed al coperto!
scopri di più >
Simulatori di Volo
Guida un aeroplano con i nostri simulatori realistici!
scopri di più >
Area Pic-Nic
Prenditi una pausa nell‘area Pic-Nic
all‘aperto!
scopri di più >

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

[:it]

IL 22 MAGGIO VOLANDIA APRE AL PUBBLICO DOPO 2 MESI DI STOP.

PER GARANTIRE IL MASSIMO DELLA SICUREZZA A TUTTI RIASSUMIAMO QUI ALCUNE UTILI INDICAZIONI A BENEFICIO DEI NOSTRI OSPITI

 

– Il museo è aperto dalle 10.00 alle 18.00 nelle giornate di lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e venerdì, dalle 10.00 alle 18.30 il sabato, la domenica e nei giorni festivi;
– L’ingresso è consentito solo ai visitatori che indossano la mascherina o altro adeguato strumento di protezione delle vie aeree;
– All’ingresso del museo verrà misurata la temperatura dei visitatori con un termoscanner, qualora la stessa sia superiore a 37,5° il visitatore non potrà accedere al museo;
– L’accesso all’interno del museo è contingentato ad un massimo di 700 persone contemporaneamente presenti per garantire uno spazio minimo di 25mq per visitatore;
– I visitatori sono tenuti a rispettare sempre la distanza interpersonale minima di 1 metro e devono evitare di creare assembramenti;
– Raccomandiamo vivamente, prima di recarsi al museo, di chiamare il numero 0331 230007 per verificare il livello di affollamento del sito e prenotare l’ingresso.
– Per prenotare la visita scrivere a booking@volandia.it;
– I biglietti del museo sono preacquistabili cliccando su questo link;
– All’interno del museo vanno privilegiate le forme di pagamento elettronico;
– All’interno del bookshop e nell’area simulatori di volo è obbligatorio l’uso di guanti monouso, presenti in loco;
– Raccomandiamo l’uso dei dispenser di liquido igienizzante presenti nel museo e dei detergenti presenti nei servizi per il lavaggio frequente delle mani;
– Raccomandiamo di prestare la massima attenzione a tutti gli avvisi presenti all’interno del museo e del parco.

 

Agendo tutti responsabilmente potremo divertirci e rilassarci insieme.

 [:]